Ma lo sapevi che... ?

In queste giornate di piogge torrenziali e mari in tempesta Deceuninck ricorda l’addio alla finestra di Malta.

Verso le 9.40 dell’8 marzo dello scorso anno la cosiddetta finestra azzurra dell’isola di Gozo, situata a poche miglia nautiche da Malta, viene spazzata via dalla forza della natura in tempesta.

La splendida Tieqa tad-Dwejra, celebre arco calcareo scavato dal mare che dominava l’isola di Gozo, crolla a causa di venti fortissimi e un mare agitato che impedisce persino ai traghetti di viaggiare.
Il promontorio roccioso a picco sul mare, contraddistinto da un’apertura di circa 28 metri in altezza per 25 metri di larghezza, luogo naturale più noto di Malta e mèta amatissima dai tuffatori, già dal 2013, dopo alcuni sopralluoghi, risultava si fosse indebolita dall’erosione continua causata dagli agenti atmosferici. Tale studio geologico aveva rilevato che l’arco prima o poi sarebbe collassato a causa dell’inevitabile corrosione naturale anche se tuttavia il pericolo di un imminente crollo era scongiurato. Per precauzione, da allora il governo maltese aveva sottoposto la zona a divieti di camminamento, con tanto di multe, che, molto spesso, non venivano rispettati da abitanti e turisti. Il risultato del segno del tempo, unito ad un’inevitabile violenta tempesta, ha comunque provocato l’irreparabile.

Nessun intervento dell’uomo avrebbe potuto evitare che cadesse in mare.

Tuttavia, potremmo continuare ad ammirarla in alcune pellicole cinematografiche come nella prima puntata “Game of Thrones”, saga tratta dall’omonimo romanzo di George R.R. Martin.
Nonostante l’evento straziante, così come venne definito dal primo ministro maltese Joseph Muscat, l’isola di Gozo continuerà ad essere mèta ambita di molti turisti.
Gozo è e rimane la patria dei Templi di Ggantija (che sono, tra le strutture del genere, le più antiche del mondo), caratterizzata dalla sua magnifica cittadella medievale, una meravigliosa costa che comprende una delle spiagge più belle del mondo e la sua superba cultura gastronomica, tra cui splendidi vigneti e ristoranti mediterranei.

Link articolo: www.touringclub.it