Ma lo sapevi che... ?

DECEUNINCK E LA STORIA DELLE FINESTRE E DEL VETRO: binomio contrastato in perenne evoluzione

Cos’è una finestra? Semplicemente, è un foro nel muro per far entrare la luce (o una freccia!?).

La presenza di un foro consente, non solo di lasciar passare la luce, scaldare (o refrigerare), far entrare l’aria ma può anche far entrare visitatori indesiderati. Le prime “finestre” nell’età del bronzo e del ferro hanno contrastato questi aspetti negativi usando le imposte in legno e pellami di animali anche raschiati e stirati (simili a pelli di tamburo) che venivano immersi in oli per renderli traslucidi e impermeabili. C’è stato quindi un tempo non molto lontano durante il quale il vetro era considerato un materiale prezioso, così prezioso che solo le case più ricche avevano vetri alle finestre. E per millenni, ovviamente, molte persone non hanno avuto affatto vetri alle finestre. Nonostante ciò, l’invenzione del vetro fece un ulteriore passo avanti fornendo una copertura a finestre che lasciavano entrare la luce e allo stesso tempo mantenevano gli estranei fuori.

La fabbricazione del vetro era notevolmente avanzata durante l’epoca romana e molte case antiche avevano finestre con vetri.

Ad esempio, i romani in Inghilterra dal 43 al 40 d. C. usavano piccoli pezzi di vetro per comporre le finestre. Le prime finestre erano infatti lastre di ciottoli di vetro posate su una cornice di legno – queste lasciavano passare qualche luce, ma probabilmente non erano così trasparenti. L’uso del vetro per scopi architettonici iniziò così alla fine del I secolo d.C. quando i romani scoprirono che l’aggiunta di ossido di manganese alla miscela rendeva il vetro trasparente, sebbene con scarsa ottica. Ma questo vetro veniva usato solo negli edifici più importanti.

I vetri trasparenti furono inventati per la prima volta alla fine del III secolo d.C., quando i produttori di vetro soffiarono una bolla cilindrica di vetro per poi tagliarla longitudinalmente e appiattire i risultati.

Le epoche buie dal 410 al 1065 d.C. non fornirono molte prove di finestre, anche se alcune chiese sassoni del periodo utilizzavano la tecnologia del vetro antico. Come nel periodo normanno che va dal 1066 al 1215 d.C. che usava il vetro nelle chiese e in alcuni edifici fortificati, castelli, ecc.
Tuttavia, durante le cosiddette età oscure, questa tecnologia, come tante altre tecnologie e comfort conosciuti prima della caduta di Roma, è andata persa in qualche modo. Mentre le cattedrali di tutta Europa utilizzavano vetri colorati per le loro finestre, le finestre domestiche erano totalmente non vetrate, con solo imposte in legno per tenere lontano il freddo. Alcune persone prendevano pelli sottili (o pergamene) e le immergevano nell’olio per renderle più traslucide possibile. Le finestre (e le porte) erano piuttosto piccole, allo scopo di ridurre al minimo le correnti d’aria e, quando possibile, le tende o le stuoie aiutavano ulteriormente con l’isolamento. Ecco perché allora gli interni erano così oscuri, con il fuoco mai spento che forniva la maggior parte della luce.
Il metodo di produzione del pannello di vetro, che era fondamentalmente di fusione, è rimasto in gran parte invariato fino al XI secolo, quando sono state sviluppate due tecniche. Entrambe queste tecniche comportavano soffiare una palla di vetro fuso in una bolla. La bolla veniva poi o trafitta e filata in un disco, o oscillata per formare un cilindro, che veniva poi tagliato e disteso. I vetri venivano quindi tagliati dalle parti della piastra con il massimo dello spessore e della chiarezza.

Nel corso del Medioevo, i vetrai iniziarono ancora una volta a sviluppare modi per realizzare vetri per finestre piatti.

Nel XIV secolo, i soffiatori di vetro francesi svilupparono il processo noto come “vetro a corona”, dove una bolla cava di vetro veniva centrifugata in un disco appiattito. Le finestre in vecchio stile venivano realizzate con questa tecnica. Nel frattempo, altri vetrai fecero rivivere l’antica tecnica del vetro cilindrico. Queste “nuove” tecnologie permisero ai più abbienti di permettersi il vetro nelle loro finestre. Il vetro cilindrico produceva solo piccoli quadrati di vetro, dei dischi di vetro della corona potevano essere tagliati in pezzi a forma di diamante, o pannolini, con sprechi minimi.
L’alto medioevo tra il 1216-1398 d.C., vide l’introduzione dell’architettura della chiesa gotica e dell’antica inglese con aperture di finestre molto più grandi che comprendevano vetri di piombo più piccoli. Mentre nel tardo medioevo tra il 1399 – 1484 d.C., vennero introdotti il Gotico perpendicolare e gli stili barocchi, entrambi stili altamente decorativi e intricati. Si distinguevano dalle finestre precedenti nella forma degli archi nella parte superiore. I primi archi gotici erano archi alti “due centrati”, mentre la forma perpendicolare successiva aveva un arco basso “quattro centrato”.

Verso la metà del XVI secolo, i vetri delle finestre erano sempre più comuni.

Ma anche per i ricchi, era ancora un lusso: le case delle classi superiori avevano ancora solo vetri nelle finestre delle stanze più importanti; entro la fine del secolo, le più belle case della classe media avevano il vetro in circa metà delle finestre. E per quegli aristocratici, che trascorrevano mesi in ognuna delle loro diverse tenute, i vetri delle finestre erano un bene così prezioso che lo toglievano e conservavano con cura in loro assenza.
Il periodo inglese Tudor (1485 – 1602 d.C.), vide l’estensione di edifici tipici delle aree ecclesiastiche/reali/militari verso edifici domestici, esempi dei quali esistono ancora. Mentre tra il 1603 e il 1713, periodo Stuart, si evidenziava un piccolo sviluppo architettonico che si concentrava principalmente sugli edifici destinati ad uso militare. Il grande incendio di Londra del 1666 rese necessaria la ricostruzione su larga scala e introdusse lo stile neoclassico, con ad esempio Christopher Wren (Cattedrale di San Paolo).

Molte incisioni e disegni del XVII secolo mostrano finestre reticolari in vari modelli. Il reticolo era fatto di piombo, ragione per cui erano chiamate finestre piombate.

È inoltre possibile visualizzare una gamma di tipi di finestre: le finestre a battente erano le più comuni e si aprivano verso l’interno in modo da proteggere il vetro delicato. Intorno al 1680, non era raro vedere finestre a ghigliottina con cornice quadrata in legno nelle case più grandi, e fu in quel periodo che venne inventata la fascia ponderata, il che significava che quando si apriva la finestra rimaneva in posizione senza scivolare o bisogno di essere fissata.

Deceuninck ti aspetta a Maggio con la seconda parte dell’evoluzione della finestra e del vetro… Alla prossima!!

Alla fine del diciassettesimo secolo i francesi svilupparono un metodo per produrre piatti di vetro più grandi di maggiore chiarezza.

Ciò veniva ottenuto versando il vetro fuso su un tavolo speciale. Il vetro veniva quindi arrotolato e le superfici poi macinate con polvere abrasiva fine. Fu solo nel diciannovesimo secolo che la produzione di vetro divenne meccanizzata e iniziò la produzione di massa. Nel frattempo, i vetrai francesi avevano capito come gettare il vetro, rendendo pannelli più piatti e più chiari che mai.

La vetrina perfetta per questa nuova meraviglia fu Versailles, costruita negli anni ’80 del XIX secolo, e in particolare la stupefacente Sala degli specchi, con la sua facciata di finestre in vetro fuso proiettate su specchi in cristallo.

Per il secolo successivo o giù di lì, diversi ingegneri di diversi paesi si sfidarono nella creazione del vetro della finestra più forte, più chiaro e più piatto, utilizzando varie formule e tecniche. Verso la metà del XIX° secolo, i ricchi inglesi usavano gli ultimi materiali nelle loro serre o conservatori di vetro. E infatti fu un giardiniere a progettare la più famosa struttura di vetro di sempre, il Crystal Palace, il sito della Grande Esposizione del 1851 a Londra. Nessuno aveva mai visto così tante finestre prima, e non solo per la tecnologia del vetro – poco prima dell’esibizione, l’Inghilterra aveva abrogato due leggi su finestre e vetri che ne avevano drasticamente aumentato il costo (era stato introdotto come proxy per i redditi tasse, dal momento che più si era ricchi, più finestre si possedevano). Quindi il Crystal Palace fu uno straordinario display di lastre di vetro realizzato giusto in tempo affinché potesse costare circa il 50% di quello che sarebbe costato precedentemente.

Questo rappresentò anche il momento in cui la produzione di acciaio era stata modernizzata dal processo di Bessemer, consentendo all’acciaio di diventare il componente principale delle strutture architettoniche.

Le pareti non dovevano più sopportare il peso della struttura – ora la struttura in acciaio sosteneva l’edificio, e le pareti potevano essere interamente realizzate in vetro, una caratteristica nota come “facciata continua”. L’inizio del ventesimo secolo ha visto una serie di progressi nella produzione di lastre. Due metodi per la produzione continua di lastre furono inventati in Belgio intorno alla Prima Guerra Mondiale. Ciò comportava il prelievo dai serbatoi di nastri di vetro fuso. La versione successiva quindi disegnava il nastro attraverso i rulli per ottenere uno spessore e una finitura costanti. Ulteriori processi di disegno furono sviluppati in America tra la Prima e la Seconda Guerra Mondiale, anche se il successivo grande salto fu l’invenzione del processo di galleggiamento in Gran Bretagna negli anni ’50. Questo era il metodo per cui il vetro fuso veniva versato attraverso il bagno di superficie in stagno fuso. Il vetro si spandeva e si appiattiva prima di essere estratto con un nastro continuo. Il processo era in grado di produrre pannelli molto grandi di qualità estremamente buona e rimase in gran parte invariato fino ai giorni nostri.

Tutti questi processi e tecniche trovarono la loro apoteosi in grattacieli come la Lever House, che rappresenta tuttora la prima cortina muraria installata a New York City, nel 1952.

Naturalmente, la tecnologia del vetro è stata migliorata negli ultimi 150 anni, e ora abbiamo vetro forte e coibentato di qualsiasi dimensione. Ma è interessante pensare a quanto recentemente sia stato un lusso fuori dalla portata della persona media.
Lo sviluppo dei metodi di produzione del vetro per finestre per produrre pezzi più grandi e piatti con una maggiore chiarezza ha avuto un’influenza enorme sul design delle finestre attraverso la storia. La limitazione della dimensione di un vetro dà luci a piombo e barre astragali. È curioso che alcuni effetti di vetro moderni e costosi siano in realtà la ricostruzione di ciò che sarebbe stato visto come un difetto, o addirittura uno spreco, nel vecchio vetro. Le prime tecniche di produzione del vetro per la fusione, il soffiaggio e la filatura erano tali che solo piccoli pannelli di spessore e chiarezza consistenti potevano essere prodotti. Questi poi dovevano essere uniti insieme a strisce di piombo per produrre un’area ragionevole. Con lo sviluppo della tecnologia di produzione del vetro, è stato possibile produrre pannelli più grandi che hanno dato origine al design delle finestre dell’epoca utilizzando la dimensione massima del riquadro per fornire la vista più nitida.

Le moderne tecniche di produzione del vetro float consentono la produzione di fogli molto grandi con una buona chiarezza ottica e una massiccia proliferazione di stili.

Costruire a un prezzo piuttosto che a uno standard dopo la Seconda Guerra Mondiale ha portato a poco di valore architettonico nella fenestrazione. La sostituzione di queste finestre offrì tuttavia l’opportunità di installare stili di finestre che erano più in sintonia con lo stile dell’edificio e più in linea con i gusti estetici generali.
Generalmente, i design delle finestre hanno o aperture nella parete che sono più alte di quelle che sono larghe o la finestra è divisa in sezioni che sono più alte di quanto siano larghe. Questo è un principio estetico riconosciuto che risale ai tempi classici con un rapporto tra altezza e larghezza di 1,618: 1, (Φ o phi) o maggiore. È interessante notare che è lo stesso di 1: 0.618. Il metodo di funzionamento delle finestre di apertura determinava anche l’aspetto e le dimensioni. Le finestre ad apertura anticipata erano dotate di anta laterale e il rischio di distorsioni e la mancanza di precisione delle cerniere limitavano le dimensioni della luce di apertura. Le finestre successive erano ante scorrevoli verticali che, poiché sostenevano le ante su entrambi i lati, potevano essere ingrandite senza paura di distorsioni. Le finestre di sostituzione che seguono il principio phi tendono ad essere più sensibili all’occhio umano.

Anche la simmetria è importante. Quelle finestre che non seguono questo rapporto o non sono simmetriche tendono ad essere meno piacevoli.

Gli edifici e le finestre sono generalmente progettati come un tutto e la sostituzione simpatica è necessaria per mantenere l’aspetto generale. Le finestre moderne possono replicare questi stili e possono produrre molti più stili. Le finestre moderne sono progettate per motivi di conformità estetica e normativa piuttosto che per limitazioni di materiali o processi.

Deceuninck ti aspetta a Giugno con altre curiosità sull’evoluzione della finestra … Alla prossima!!